Chi siamo

Il Centro Dharma di Scuola Sakya “Kun-ga Chöling” di Trieste si propone di mettere in pratica il Buddhismo Mahayana e Vajrayana stimolando l’interesse al suo riguardo e preservare la cultura tibetana. Questo Centro beneficia della presenza permanente di ani Sherab Choden (Malvina Savio), monaca della tradizione Sakya e consta di un centinaio tra membri e simpatizzanti. È storicamente importante in quanto è il primo centro buddhista fondato nella Regione Friuli Venezia Giulia.

Attività

    • studi di testi della tradizione Sakya
    • insegnamenti e corsi, compresi un corso settimanale di avvio al Buddhismo
    • rituali effettuati regolarmente in presenza: Tara, Mahakala, Cha Sum, Buddha della Medicina
    • sostentamento di rifugiati tibetani in diversi campi di India e Nepal
    • aiuto nello sviluppo e finanziamento di un ambulatorio medico a Rimbick (West Bengala, Distretto di Darjeeling, India)

Il fondatore del Centro
Ven. Khenchen Scherab
Il Ven. Khenchen Sherab Gyaltsen Amipa Rinpoche, fondatore del Centro Sakya Kun-ga Chöling di Trieste, nasce a Sakya in Tibet nel 1931. All’età di 7 anni entra nel grande monastero Sakya Thubten Lhakhang Chenmo, dove compie gli studi fino all’università monastica, conseguendo il livello filosofico più elevato di Geshe Rabjampa cioè dottorato in filosofia. Insegna nel monastero principale di Sakya sia a monaci che a comunità laiche. Nel 1960 fugge dal Tibet in India e più tardi viene inviato in Svizzera a Rikon (Zurigo) presso il Tibet-Institute per assistere i tibetani rifugiati. In Europa viene a contatto con diverse persone e fonda diversi Centri di Dharma, tra cui quello di Trieste. È entrato nel Parinirvana il 14 aprile 2014.

Il maestro del Centro
Khempo Tashi Sangpo Amipa
Il Ven. Khempo Tashi Sangpo Amipa è, per espresso desiderio del Ven. Khenchen Sherab Amipa Rinpoche, la guida spirituale del Centro Sakya Kun-ga Chöling e di tutti i centri Sakya fondati da Khenchen Sherab in Europa. È nato nel 1973 a Sakya (Tibet). Nel 1977 entra nella scuola elementare di Sakya e nel 1983 nel monastero principale di Sakya, il Thubten Lhakhang Chenmo. Nel 1990 è ammesso all’università monastica e nel 1992 effettua un viaggio a cavallo per visitare il sacro Monte Nubri, nel Tibet settentrionale. Nel 1994 parte per l’India e raggiunge il monastero Sakya di Dehra Dun, dove nel 1995, inizia gli studi presso il Sakya College. Nel 1998 supera con menzione l’esame del livello “Kachu-pa” (Bachelor of Arts) e in maggio 2000 ottiene il diploma di “Loppön” (Master of Arts). Nel maggio 2000 Lama Tashi si trasferisce dall’India in Svizzera, dove viene invitato quale Lama residente dal Centro buddhista Thubten Changchub Ling di Lugano. Nel 2003 trascorre sei mesi in India per ulteriori studi al Sakya College di Dehra Dun. Nel 2004 inizia a dare insegnamenti ad Arosio e più tardi pure a Kuttolsheim (vicino a Strasburgo). Nel 2008 trascorre nuovamente tre mesi in India dove riceve il titolo di “Pönlop”. Prende inoltre i voti di Bhikshu e fa un pellegrinaggio ai luoghi sacri del Buddha Sakyamuni in India e Nepal. Nel 2009 svolge un ritiro di dieci settimane su Bhutadamara e Ngöndro (pratiche preliminari) nel centro Sakya Thegchen Ling in Olanda.

Il presidente del Centro e dell’Associazione ETS Progetto India ODV
ani Sherab Choden
Ani Sherab Choden (Malvina Savio) è il Presidente del Centro Sakya Künga Chöling e dell’Associazione ETS Progetto India ODV. È stata introdotta al lavoro umanitario dal suo Maestro il Ven. Khenchen Sherab Gyaltsen Amipa Rinpoche sin dal 1989, ancora in veste laica, a lavorare per aiutare i tibetani profughi in India, sia con le adozioni a distanza che con progetti vari. Ani Malvina costantemente segue i profughi e i progetti recandosi periodicamente in India.
Nasce a Trieste da genitori triestini nel 1939 e consegue la Laurea in musica all’età di 22 anni. Nello stesso anno debutta al Teatro Verdi di Trieste con il M° Claudio Abbado ne L’amore delle tre melarance di Sergej Prokofiev. Si distingue come comprimaria in molti ruoli lavorando tra Trieste, Venezia e Roma e si dedica alla musica cameristica anche con il Trio di musica da camera del M° Ennio Silvestri.
Contemporaneamente sin da bambina è stata attratta dalla spiritualità desiderando di farsi monaca ma la famiglia non lo consente. Solamente nell’età adulta di dedica alla desiderata spiritualità dapprima con l’incontro di Maestri Indù, tra i quali il M° Dadukakaji della catena yoga degli Swaminaryan, che successivamente gli chiede di aprire un centro interreligioso. A questo scopo inizia a interessarsi a varie religioni e tra queste conosce il Buddhismo tibetano attraverso l’incontro con il Ven. Khenchen Sherab Gyaltsen Amipa Rinpoche che traccia la sua via. Così può coronare l’antico desiderio di farsi monaca. Prende i primi voti nel dicembre 1993 a Kuttolshein (vicino Strasburgo) e quindi viene inviata dal suo Maestro in India alla scuola di alta filosofia, il Sakya College. Qui viene accolta (unica in quanto nessuna donna lo è stata, ne prima, ne dopo) e istruita dall’Abate Khenchen Migmar Tsering, che a 42 anni entra nel Paranirvana. All’epoca non esistevano monasteri femminili della scuola Sakya. Frequenta periodicamente il Sakya College e dopo ulteriori studi riceve i voti il 20 giugno 1994. Riceve insegnamenti da S.S. il 14° Dalai Lama, da S.S. il 41° e 42° Sakya Trizin, da S.E. Gyana Vajra, da S.E. Jetsum Kushok oltre che dal suo Guru radice Khenchen Sherab Gyaltsen Amipa che fonda il Centro Buddhista Sakya Künga Chöling a Trieste presso il suo appartamento. Successivamente il Ven. Khenchen Migmar Tsering le chiede di aiutare 10 giovani monaci attraverso le adozioni a distanza. Da queste esperienze inizia il lavoro dedicato all’aiuto a favore dei profughi tibetani in India. Il lavoro si sviluppa nel tempo e accoglie molti progetti nei vari campi profughi aiutando migliaia di bambini e ragazzi sia laici che monaci sostenendo i loro studi. Questa attività continua tuttora e potete prenderne visione visitando la nostra pagina sul Progetto India.

PER CONTATTI
Telefonare o inviare un fax al 040 571048
o invia un messaggio